Il Blog del Pasi
nunc licet intellectualiter intrare in arcana fidei
24.2.07
Diario di Bordo del Capitan Pasi
sabato mattina. semilibertà. questa settimana ho lavorato abbastanza. al ristorante il padrone si è preso una settimana di ferie e io ero da solo in cucina. mi sono divertito anche se a tratti è stato abbastanza difficile non fare casini. prendo questa esperienza come training per poi un giorno aprire il mio di ristorante. se troverò il budget necessario. le lezioni di italiano proseguono, mi diveto anche se devo ammettere che sono un po' troppo confusionario. dovrei darmi delle linee guida per le lezioni. e soprattutto dovrei seguirle. e non andare dietro al mio istinto. che come ben sapete è poco furbo. comunque qui la vitaccianon va male, sempre se si esclude il fattore casa, ma oramai ho perso le speranze. vita sociale benio, nel senso che le poche volte che esco mi diverto abbastanza. però mi sono un bel po' rotto le balle di vedere delle scene pietose ogni venerdì e sabato notte. ragazzi e adulti completamente ubriachi che vagano per le vie della città senza ben capire dove siano. nè chi siano, mi pare. è divertente ad un primo sguardo, ma se poi ci si sofferma sugli individui, si vede solo una grande tristezza di fondo. e un vuoto di base. mi rendo sempre più conto che da queste parti le persono sono vuote. non tutte, per carità. però molte sono davvero vuote. spesso non si riesce a parlare che non di cazzate superficiali. e se si vuole fare una discussione seria, beh ci si deve rivolgere agli stranieri. il mio concetto di zona neanderthaliana è sempre più saldo.....ovviamente i lati positivi dello stare qui ci sono, sono tutti più rilassati, meno rompicoglioni, più rispettosi, non hanno un governo idiota, non hanno berlusconi, ci sono le vichinghe, etc. però mi vengono i primi dubbi sul fatto che questo sia il posto adatto al sottoscritto. forse dovrei muovermi più a est. o a sud. a ovest no, c'è il mare e non so nuotare. spero che il tempo porti consiglio. spero che il consiglio arrivi prima della vecchiaia. e spero stasera di non fare disastri, perchè ho deciso di alcolizzarmi con un paio di amici italici e poi di andare a fare casino in qualche locale. tipo garage o vamoose. sperando ci siano più fighe di ieri sera. ma non ci conto molto. poi fra due settimane dovrei tornare a fare una cosa che mi piace un sacco. che non è farmi le seghe. ma andare a sciare. dovrei andare a voss in compagnia di un amico (italo-americano) e sciare!!!!! dopo tre anni. o quattro. non vedo l'ora. sempre che non capitino imprevisti che me lo impediscano. tipo tempesta di sabbia. o emorroidi a grappolo. ultima cosa, il diabete. negli ultimi giornio sono tornate alla carica le crisi ipoglicemiche e ho toccato di nuovo quota 26 di valore glicemico l'altra notte. torno a ripetere, mi sa che prima o poi non mi sveglio in tempo. e forse sarà un bene per tutti. il naglfarr d'altronde mi aspetta.

Pasi
5 Comments:
Anonymous Anonimo said...
Pasin,

riguardo al neanderthalismo conosci la mia posizione:

lo scandinavo (inteso come antropos) che abbiamo studiato, quello che non parla molto ma che ha qualcosa dentro di sé, è in realtà lo scandinavo di mezza età...ed ancora ne esiste qualche esemplare.

I giovani li prenderei tutti a schiaffi perché sono nati e cresciuti con uno stato ed un sistema che dà e garantisce loro tutto, chiedendo loro in cambio solo di non pensare (anche per questo l'alcol è proibito ma la "sacra sbornia" del fine settimana è ben accetta, se non esortata). E loro, i giovani -ma ormai anche i trentenni- sono così felici di seguire questo diktat e, di consequenza, sono capaci solo di parlare di TV, internet, sbronze, sesso.
Ovvio che poi, anche se non lo sanno consciamente, sono vittime di un potente senso di vuoto.

Che tristezza.

L'anonimo pordenonese

Blogger martina said...
noncredo proprio che lo stato chieda ai giovani vichinghi di non pensare, al contrario credo che lo stato faccia di tutto e anche di più per dare al suo popolo una cultura vedi agevolazioni per gli studenti, e da questo, ne dovrebbe derivare un certo "spessore" solo che loro di base sono proprio caproni, e perchè sforzarsi di studiare? tanto ho comunque la pappa pronta...
e sì sa è la cultura che rende le persone non vuote...
alcuni ci sono, troppo pochi, ma rendiamoci conto che studiano molti solo per avere i soldi dallo stato da rendere in comode rate, e intanto al posto che lavorare usano i soldi della cultura per ubriacarsi...
da una parte come dargli torto...ma miseria dopo un po' che palle!!!

ed ora...pasi!
vedi di non dire e non fare cazzate per il tuo diabete! devo venire lì a sgridarti???
dai fai il bravo, non si saprebbe che dire al tuo funerale senza scoppiare a ridere!!!

Blogger Pasi79 said...
funerale????
dunque: primo ho intenzione di spaccarvi le balle ancora a luuuuuuungo. secondo, non vorrò un funerale. nè una tomba. le mie ceneri vorrei fossero sparse nell'aria. un bel brindisi da parte di chi mi voleva bene. e basta. se qualcuno si vuole ricordare di una persona che non c'è più non ha bisogno di lapidi o cortei funebri per farlo. così come per amare una persona non è necessario sposarsi. parola di aspirante troglodita.

Pasi

Anonymous Marco said...
Se decidi di morire una notte della prossima estate, ricordati di avvisare la Betulla per tempo (almeno la sera prima, insomma), che poi sai che trovare un sostituto all'ultimo momento è un casino.
Avvisa anche me tanto che ci sei, che altrimenti poi mi vien una crisi di panico e mi faccio venire un malore anche io.

Blogger martina said...
beh...almeno posso spargere tra i tuoi amici una serie di foto in tuo ricordo???
quelle di trondheim...ovviamente!
pasiking...hahaha