Il Blog del Pasi
nunc licet intellectualiter intrare in arcana fidei
24.10.08
uro
ci risiamo. oggi mentre ero in uni, dopo pranzo, verso le 14,30 è successo di nuovo. il mio, maledetto a questo punto, cervello è partito in accelerazione perentoria. ha bruciato il semaforo e ha lasciato sull'asfalto centimetri di gomma. e si è lanciato ad una velocità estremamente elevata. su una strada di cui non si conosce il tracciato. velocità troppo elevata. pericolosamente elevata. perchè? ho smesso di chiedermelo. ci sono tante risposte. troppe. o forse nessuna. fatto sta che quando succede questo devo traslare il mio corpo lontano dai pericoli. lontano da tutto. chiudermi e aspettare che rallenti. cosa che può capitare in tre minuti come in due ore. e mi sono anche rotto abbastanza le palle di questo. soluzioni? sì. tutto bene? no. perchè poi uno deve rispondere sempre sì a questa domanda, me lo dovete spiegare. non va bene per un cazzo. sono contento di alcune cose, ma è la merda circostante che fa maleodorare anche quello, poco, che gira per il verso giusto. e non ditemi di prendere le cose da un altro punto di vista. perchè sarebbe usare il vostro di punto di vista. provate a usare il mio. a volte è meglio stare zitti e osservare le persone. guardarle negli occhi. osservarne i movimenti, le azioni. e provare a capire cosa si cela dietro uno sguardo perso nel vuoto. o dietro un gesto repentino. cercare di capire e pensare, in silenzio, che forse non abbiamo capito nulla. mi lamento, è vero, troppo. però non vado a insegnare agli altri di non lamentarsi perchè è sbagliato. sarebbe ipocrita. a volte mi viene voglia di pubblicare tutto quello che scrivo nel mio block-notes nero. forse otterrei del silenzio in più. il vento sibila silente sussurrando qualcosa che ai più sfugge. perchè pochi si fermano ad ascoltarlo. ma il vento è un fedele messaggero. se ti fermi ad ascoltarlo potrai sentire parole dolci, lamenti, sogni, incubi, angeli, demoni. tutto. ma devi essere preparato. chiudi gli occhi e ascoltalo. e soprattutto non rompere il cazzo a chi non è come te. punto. poi mi chiedevo come possa uno che non ha mai assaggiato il tiramisù, desiderarlo così tanto da impazzire perchè crede che sia la cosa più buona del mondo. e se non lo fosse? dovrebbe quantomeno assaggiarlo. ma non gli è dato farlo.

settimana del pasi:
cambio corona-euro ancora pessimo
soldi finitissimi
mal di schiena
notti agitate
crisi di fame date dal nervosismo
niente colazione (questo è un messaggio in codice)
niente figa (i limiti sono 100%, 50% e 10%)
niente moto
niente superenalotto
niente novità dal mondo del lavoro
studiato abbastanza (nota positiva)

Pasi

Etichette: , ,

2 Comments:
Blogger zymil said...
*mumble mumble* tutta sta cosa per il "no" che hai detto oggi?!

qualche nota sulla tua settimana:

- CAMBIO NOK: è meglio che non ti dica a quanto è adesso...
- COLAZIONE: ahimè capisco la questione (perdonala...si diverte con poco)
- SUPERENALUTTO: troppi 100 milioni di euri!
- NIENTE LAVORO: *zimo si sfrega le mani* (vedi la mia risposta al mio post sul mio blog)(ho usato troppe volte l'aggettivo possessivo?!?)

credo di aver finito :D

Blogger Pasi79 said...
COLAZIONE: non mi riferivo al fatto che lei si diverte con poco! non mi dà fastidio che mi prenda per il culo, anzi è una parte del suo carattere che mi piace. era una riflessione in generale sulle colazioni.

mi sa che sono anche stato abbastanza criptico e contorto in questo post... sto migliorando!!!